IL BLOG DI BARING


Il cocktail bar a casa tua



Daiquiri | Baring - Bar catering
31 Ago 2016

DAIQUIRI:
l’estate continua

L’estate, purtroppo, è praticamente finita.
Con settembre alle porte, non ci resta che rimboccarci le maniche tornando alle vecchie abitudini e routine: è il momento di dire addio (per un altro anno almeno) alla sensazione della sabbia al contatto con la pelle, all’acqua del mare che ci rinfresca e al sole che ci accoglie in un caldo abbraccio lungo un’intera stagione in cui ci è concesso di staccare la spina e pensare solamente a divertirci.

È una situazione un po’ triste, vero?

E se vi dicessimo che… c’è un piccolo trucchetto per rendere l’estate un po’ più duratura?

Probabilmente ci prenderete per pazzi!

Ed in effetti meglio metterlo subito in chiaro: non si può far nulla per prolungare, letteralmente, il periodo estivo…quindi un pizzico di ragione ce l’avreste.

Tuttavia, per aiutarvi a superare questo senso di nostalgia e di tristezza per la fine della bella stagione, noi di Baring abbiamo deciso di consigliarvi un antidoto particolare; vi assicuriamo che funziona meglio di una medicina!

Il Daiquiri.

Il Daiquiri è un cocktail di origini caraibiche: costituito da rum, succo di lime e da zucchero shakerati in modo da creare una cremina deliziosa. Il Daiquiri è il cocktail rinfrescante per eccellenza: se l’estate avesse un’anima, sarebbe servita proprio col Daiquiri.

L’origine di un cocktail così caratteristico è difficile da identificare; svariate leggende e storie si sono susseguite nella storia riguardo la nascita del Daiquiri.
La più suggestiva probabilmente è quella che ha come protagonista un ingegnere americano di nome Jennings Cox, sbarcato a Cuba nel 1898 durante il periodo della guerra ispano-americana; ritrovatosi stanco e assetato sulle rive di una spiaggia dopo un lungo viaggio, questo ingegnere si sarebbe recato in uno dei bar presenti sulla costa in cerca di lavoro, desideroso di rifarsi una vita in quel paradiso terrestre.
Cox si ritrovò presto a servire altri americani giunti nella bella Cuba che molto spesso ricercavano del semplice rum liscio; un po’ stanco di dover servire alcolici tutti tristemente uguali fra di loro, il vecchio ingegnere decise di sbizzarrirsi provando varie combinazioni; è così che, dopo l’aggiunta di zucchero e succo di lime nacque il Daiquiri, che è di fatto il frutto del desiderio di pensare fuori dagli schemi (outside-the-box) di una persona ambiziosa e desiderosa di fare al meglio il suo lavoro.

Questa nascita un po’ casuale e, oseremo dire, quasi fortuita del Daiquiri è alla base del suo sapore rinfrescante e fondamentalmente “estivo”: il Daiquiri è una boccata fresca in un mondo come quello dell’alcol in cui troppo spesso ci si rifugiava dietro ricette pre-fatte; si preferiva andare sul sicuro piuttosto che provare nuove esperienza. Inoltre, questa sperimentazione non si è fermata lì ma si è protratta nel tempo: oggi, infatti, esistono varie tipologie diverse di Daiquiri: dal Frozen Daiquiri (variazione più fresca in assoluto), passando per l’ Old Rose Daiquiri (al gusto di fragole), arrivando fino al Daiquiri Mulata (arricchito con liquore al caffè); insomma, ce n’è per tutti i gusti.

In quest’ottica, assaporare un bicchiere di Daiquiri è un po’ come andare in una vacanza nuova e non pianificata: è l’esemplificazione del concetto di “svegliarsi e partire” verso posti e mete sconosciute per amore della scoperta e della vita.

Il suo valore terapeutico sta proprio in questa sua creatività intrinseca: iniziate a sorseggiare e chiedete gli occhi, immaginando di trovarvi sulla spiaggia dei vostri sogni.

Sentite il fruscio delle onde? Ottimo, significa che state andando bene.

L’estate sarà pure finita, ma queste sensazioni fantastiche sono con voi, e non vi lasceranno mai.

Il Daiquiri è come se fosse una chiave capace di risvegliare queste emozioni sepolte dalla tristezza e dalla nostalgia: l’estate è finita, ma su con il morale!
Il suo sapore fresco e dolcissimo è un condensato di giovialità caraibica che viene dritto dritto da quei paradisi terrestri in cui tutto appare beato e perfetto: come in un sogno.

Invece di prenotare costosi biglietti aerei per isolotti sperduti nell’oceano, magari fatevi prima un sorso di Daiquiri!

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *